Missione

Questa pagina è disponibile anche in

La nostra missione consiste nell’aiutare i paesi in transizione e in via di sviluppo a sfruttare le potenzialità delle proprie risorse umane attraverso la riforma dei sistemi dell’istruzione, della formazione professionale e del mercato del lavoro nel contesto delle politiche dell’UE per le relazioni esterne.

Sosteniamo 29 paesi che confinano con l’UE nel miglioramento dei propri sistemi di istruzione e formazione professionale, nell’analisi delle esigenze in materia di competenze e nello sviluppo dei rispettivi mercati del lavoro. In questo modo possiamo aiutarli a migliorare la coesione sociale e a conseguire una crescita economica più sostenibile, che a sua volta comporta benefici per gli Stati membri e i loro cittadini migliorando le relazioni economiche.

Collaboriamo su base sia nazionale che multinazionale, creando quadri di riferimento per la continuità delle politiche e promuovendo l’elaborazione e l’attuazione di politiche basate su dati concreti, operando spesso in contesti incerti e, talvolta, instabili. Tuttavia, siamo una delle poche agenzie a cui si sono rivolti i vari governi di successione alle prese con il cambiamento delle priorità politiche, grazie alla nostra reputazione di indipendenza e di alta qualità nel lavoro che svolgiamo e al nostro impegno nei loro confronti.

Le nostre attività con i paesi partner coprono una serie di ambiti correlati:

  • analisi delle esigenze in materia di competenze e occupazione
  • governance del sistema, compreso l’impegno delle parti interessate
  • dialogo sociale e partecipazione del settore privato
  • sistemi di qualificazione e garanzia della qualità
  • apprendimento basato sul lavoro
  • formazione degli insegnanti
  • apprendimento imprenditoriale e competenze di base
  • orientamento professionale.

Prima di iniziare a operare in un paese, effettuiamo un’analisi dettagliata delle politiche dell’UE in materia di capitale umano, dei valori sociali e delle priorità esterne, collegandone i risultati alle esigenze e alle aspirazioni di sviluppo del paese partner nel quadro dell’assistenza globale allo stesso nel settore del capitale umano.

All’ETF collaboriamo con le istituzioni europee, l’imprenditoria, le parti sociali e altre organizzazioni della società civile a livello di UE. Forniamo sostegno alla Commissione europea e al Servizio europeo per l’azione esterna a livello di programmazione, in modo che l’assistenza sia accuratamente mirata e adattata alle capacità e alle priorità dei paesi. Lavoriamo a stretto contatto con Eurofound e Cedefop per garantire che l’analisi e le buone prassi degli Stati membri dell’UE siano condivise al di fuori della stessa UE e adottate per sostenere le riforme nei paesi partner.

Inoltre, collaboriamo con una vasta gamma di parti interessate internazionali e con organizzazioni e donatori internazionali. Tale collaborazione s’iscrive nell’ambito del consenso europeo in materia di sviluppo e della dimensione del capitale umano dell’agenda per lo sviluppo sostenibile dell’ONU, che identifica due obiettivi specifici relativi all’istruzione e all’occupazione per tutti i paesi partner e che guida la strategia e le attività del gruppo inter-agenzie per l’istruzione e formazione tecnica e professionale (TVET) nel quale siamo attivi.

La Fondazione europea per la formazione professionale è stata istituita con il regolamento n. 1360 del Consiglio nel 1990, rifuso nel 2008 con il n. 1339. Il regolamento di rifusione specifica il ruolo dell’ETF nel contribuire allo sviluppo del capitale umano nel contesto delle politiche dell’UE in materia di relazioni esterne. In tale contesto, per sviluppo del capitale umano s’intende un’attività che contribuisca allo sviluppo lungo tutto l’arco della vita delle capacità e delle competenze degli individui attraverso il miglioramento dei sistemi di istruzione e formazione professionale.